Corso di Macromedia Dreamweaver

Introduzione a Macromedia Dreamweaver

 

Cos’è il Dreamweaver
Ciao a tutti! Siamo all’inizio di una nuova esperienza, alle prese con un programma non propriamente intuitivo il tanto amato (e odiato) Dremweaver. Tanti già sapranno di che si tratta, ma principalmente mi rivolgo alle persone che non sanno e che vorrebbero sapere (siamo qui per questo, no? ;-)).
Innanzitutto è doveroso spiegare che si tratta di un programma per la realizzazione di pagine web quindi il suo uso sarà pressoché indispensabile per gli aspiranti web designers e veterani. Fa parte dei così detti programmi WYSIWYG (what you see is what you get) in altre parole quello che vedi è quello che metti, cioè ti permette di creare pagine web disponendo tutti gli elementi proprio come essi appariranno una volta avviato il browser.

Prima di cominciare, vorrei far presente che per realizzare pagine web, sia per uso privato che per una futura professione è indispensabile conoscere almeno le fondamenta del linguaggio principe del web: l’html. Date un’occhiata al corso di html che trovate nella sezione Corsi Web.

Non importa avere conoscenze da “professori” su quest’argomento, ma ci semplificherà la vita al primo ostacolo che incontreremo, quando scopriremo che il nostro amato programma “mette del suo” nelle nostre creazioni! (per questo, dicevo prima, è anche odiato!) ad esempio capiterà di non riuscire ad allineare bene una foto, oppure vedremo apparire le barre di scorrimento in una pagina quasi vuota, niente panico, con l’html sappiamo cosa fare.

Scegliere la versione
Esistono diverse versioni del Dreamweaver e personalmente l’ultima, l’Mx, mi sembra la più chiara trovo che con questa versione si sia fatto un grosso salto di qualità, se non altro non ci si perde a cercare i pannelli! (è successo anche a me! :-)) Possiamo scaricarne una versione in prova per trenta giorni a questo indirizzo: http://www.macromedia.com/it/software/trial_download scegliete la versione windows – italiano, é all’mx che farò riferimento, ma in generale le stesse regole valgono anche per le altre versioni.

Ma veniamo a noi, terminato il download, doppio click sul file .exe e seguite l’installazione guidata lasciate pure le impostazioni di default che vi propone, dopodiché andiamo su start - programmi – macromedia – macromedia dreamweaver mx per avviare il programma.

Tutto è andato ok, ci siamo riusciti (se no, non disperate e ripartite da capo pian piano per scovare l’errore).
Al primo avvio, il Dream ci dà il benvenuto con una splendida carrellata sulle novità, l’uso e le esercitazioni del Dream. Possiamo scegliere se leggerle subito o richiamarle in un secondo momento dal menù help “?“ (quello col punto interrogativo!). Per ora chiudete e levate “la spunta” (quel simbolo fatto così ) dal messaggio “mostra all’avvio” se no vi si ripropone ogni volta ed è abbastanza fastidiosa, ma quando avrete voglia, vi consiglio vivamente di leggerle per esperienza ho imparato che tante cose che cerchiamo le abbiamo proprio sotto il naso (risposte incluse!), soprattutto le esercitazioni non fanno mai male.

Ma adesso?
Adesso dobbiamo soffermarci un attimo a pensare, noi sappiamo cos’è un sito web? A grandi linee forse si, anzi si, ma nel dettaglio, dove sta il sito web quando noi spengiamo il computer? Come fanno gli altri a vederlo? Noi lo creiamo qui sul nostro computer, ma per renderlo visibile al resto del mondo dobbiamo pubblicarlo su un server web. Il server web altri non è che un computer connesso a internet 24 su 24 per 365 giorni l’anno, ecco perché prima di cominciare è utile procurasi uno spazio web su un qualsiasi server che offre questo servizio, ovviamente per le nostre prove ci rivolgeremo a chi fornisce spazio web gratuito:-)!

Sappiate che il nostro fantastico programma è in grado di lavorare on-line, pubblicare e aggiornare in tempo reale, ad ogni nostro salvataggio le pagine sul server, è un’operazione questa molto delicata e richiede un po’ di attenzione, quando si cancella o si sovrascrive qualcosa sul server non si può più recuperare! Sigh! Il server non ha cestino! Ricordiamoci poi che le nostre pagine non necessariamente devono andare sul web, ma possono finire anche su un bel cdrom multimediale di presentazione. Dipende da noi cosa vogliamo fare.

http://www.tripod.lycos.it/myaccount/freehosting/

A questo indirizzo si può registrare uno spazio free (gratis!) in alternativa fate una ricerca con un motore (di ricerca!), e dalla prossima lezione si parte!

 

Torna all'indice Generale del corso di Corso di Macromedia Dreamweaver di Software Planet