Corso di Delphi

La prima applicazione

 

TPanel
TPanel è il nome della classe cui corrisponde la dicitura “Panel” nella palette dei componenti.

Questa classe, come alcune altre,  è chiamata “container” perché è in grado di contenere, appunto, altri componenti.
Per il momento di questa classe non c’interessa niente di particolare, perché non siamo ancora in grado di apprezzarla.

Sappiate solo che in un Panel potete mettere tutti i controlli e componenti che volete compatibilmente con le regole imposte dal TPanel.

La differenza tra la dicitura “Panel” e “TPanel” è tutta nella diversità di contesto cui si fa riferimento.

Passiamo ora ad esaminare il TMemo.

TMemo
TMemo, come facilmente potete intuire, è il nome della classe cui corrisponde la dicitura “Memo” nella palette dei componenti.

Questa non è una classe container.  Questa è molto diversa. 

Ci sono tante cose da dire sul TMemo, che ci aiuteranno anche a capire in pratica alcuni concetti esposti in precedenza.
Innanzi tutto vorrei focalizzare la vostra attenzione sulla proprietà “Lines” del TMemo.

Dicevamo precedentemente che le proprietà sono le “caratteristiche” degli oggetti.
La proprietà Lines corrisponde alle righe di testo digitate.
Quello che non vi ho detto prima, e che vi dico ora, è che a loro volta le proprietà possono essere oggetti.
Com’è appunto il caso di Lines.

Questa proprietà ha, infatti, dei metodi per salvare le righe in un file o caricarle da un file.
In realtà è anche molto più di così, ma date tempo al tempo.
Per il momento sappiamo quello che c’interessa.

Il vero problema è che dovrei spiegarvi tutto insieme ma per ovvi motivi questo non è possibile.
Quindi preferisco procedere in modo più vario ed articolato per darvi la possibilità di capire senza sforzi e con completezza.

Ancora sul TMemo, vorrei spendere qualche parola.

Il TMemo, a causa delle limitazioni di Windows, non può gestire files più grandi di 32Kb.
Ovviamente c’è una soluzione al problema, ma la vedremo più avanti.

Adesso mi preme di più spiegarvi l’organizzazione dei progetti Delphi, perché è una cosa molto importante.

L’organizzazione dei progetti Delphi
Ogni progetto Delphi si articola di diversi files:
1 file di estensione .DPR
1 o più files di estensione .PAS
1 o più files di estensione .DFM
1 file di estensione .DOF
Altri files, specifici per ogni versione di Delphi.

Iniziamo a vedere ogni singola estensione a cosa corrisponde.

I files di estensione DPR corrispondono ai files di progetto.
Per capire meglio, dovete tener presente l’applicazione che stiamo facendo.
Se sul menu View, scegliete “Project manager”, o per brevità premete Ctrl+Alt+F11, vedrete una finestra.
Il problema è che non tutte le versioni di Delphi presentano la famigerata finestra nello stesso modo.
Quindi, inserire un’immagine della finestra potrebbe creare solo più problemi di quante soluzioni darebbe.
Ergo, vi darò una descrizione di quello che dovreste vedere nei diversi casi.

La differenza sta nelle versioni precedenti alla 4.
Prima della versione 4, infatti, Delphi poteva gestire un solo progetto alla volta.
Dalla 4 in poi è in grado di gestire più progetti.
Quindi, la differenza è questa: in Delphi 3 vedrete in grassetto la scritta “Project1” con vicino un segno “+”,
mentre dalla 4 in poi vedrete prima la scritta “Project group” e poi in grassetto la scritta “Project1” con il segno “+” vicino.

Adesso passiamo ad esaminare i file con estensione PAS. Questi sono i cosiddetti file sorgenti Object Pascal.
Sono quelli, per capirci, che contengono le istruzioni del programma.

Poi esistono i file DFM che sono dei file speciali.
DFM significa Delphi ForM.
Questi  infatti, contengono tutte le informazioni relative alle proprietà dei form (e dei relativi componenti e controlli) che devono essere conservate.

Esiste un file PAS per ogni DFM. Ma non è detto che per ogni PAS esista un DFM.
I file con estensione PAS, infatti,  possono contenere molte cose anche totalmente diverse da una form.

L’ultimo tipo di file, diciamo, speciale è quello con estensione DOF.
DOF sta per Delphi Options File e serve a conservare le opzioni di progetto..
Cosa siano le opzioni di progetto, perché sono utili, ecc. lo vedremo in un secondo momento.

C’è un ultima estensione che non abbiamo ancora visto: l’estensione DCU.
Non l’abbiamo ancora vista perché ne discuteremo più avanti, quando i tempi saranno maturi.

Per il momento direi che può bastare, la prossima volta affronteremo ancora l’Object Pascal.
Vedremo i tipi ed inizieremo a comprendere un po’ meglio come funziona il tutto.

Alla prossima!.

 

Torna all'indice Generale del corso di Corso di Delphi di Software Planet