Corso di PHP

Installazione in ambienti Linux

 

Le lezioni scorse abbiamo trattato dell’installazione su ambienti Microsoft; in questa ci dedicheremo invece alla preparazione di una macchina fornita di sistema operativo Linux.
Per raggiungere questo obiettivo esistono due vie:
La prima, più comoda e sicuramente indolore, prevede la ricerca e l’installazione di una tra le numerose distribuzioni Linux che installi PHP, Apache e MySQL. Nel caso in cui il database non sia presente nel nostro sistema sarà possibile aggiungerlo tramite i pacchetti .rpm o .deb. Consigliamo questa strada a chi non se la sentisse di cimentarsi con la compilazione dei sorgenti.
La seconda passa invece per la ricerca sulla rete dei sorgenti e la loro compilazione ed installazione “manuale”.

Nel caso si scelga la prima strada, non resta null’altro da aggiungere; passiamo, invece a vedere come procedere nell’eventualità che si sia scelta la seconda opzione.

Per quanto riguarda PHP la fonte più sicura dove trovare i codici è senza dubbio il sito ufficiale, accessibile all’indirizzo:

www.php.net

mentre l’Apache Software Foundation

www.apache.org

fornisce gli indispensabili sorgenti dell’omonimo Web Server.
Trovare quelli di MySQL è altrettanto facile. Basta recarsi al sito

www.mysql.com

Passiamo adesso a configurare il tutto.
Naturalmente, prima di dare inizio alla sequenza di istruzioni di seguito riportate, sarà necessario disintallare o non fare partire i servizi di eventuali versioni dei pacchetti appena elencati già presenti nel nostro sistema.
Decomprimiamo, innanzitutto, gli archivi appena scaricati tramite le istruzioni:

gunzip apache_1.3.x.tar.gz
tar xvf apache_1.3.x.tar
gunzip php-x.x.x.tar.gz
tar xvf php-x.x.x.tar
gunzip mysql-3.22.x.tar.gz
tar xvf mysql-3.22.x.tar

Spostiamoci quindi nella directory contenente i sorgenti del database per effettuarne la compilazione. Digitiamo a tal fine i comandi

cd mysql-3.22.x
./configure
make
make install


È adesso la volta del server Web. Posizioniamoci nella directory precedentemente creata e avviamo la procedura automatica per creare il Makefile necessario per la compilazione dei sorgenti

cd apache_1.3.x
./configure -prefix=/home/httpd


quindi, ripetiamo il tutto per i sorgenti PHP:

cd ../php-x.x.x
./configure -with-mysql -with-apache=../apache_1.3.x -enable-track-vars
./configure -activate-module=src/modules/php3/libphp3.a (se stiamo installando PHP 3)
./configure -activate-module=src/modules/php4/libphp4.a (se stiamo installando PHP 4)
make
make install

a questo punto, dalla directory apache_1.3.x compiliamo i sorgenti del server e installiamone i binari.

cd ../apache_1.3.x
./configure -prefix=/home/httpd -activate-module=src/modules/php3/libphp3.a
make
make install


Adesso non rimane altro che istruire Apache a riconoscere i file PHP. Ciò si ottiene semplicemente inserendo o decommentando la riga

AddType application/x-httpd-php3 .php3      (estensione per i file PHP 3)
AddType application/x-httpd-php .php      (estensione per i file PHP 4)
AddType application/x-httpd-php .phtml


nel file

httpd.conf

Un modo alternativo per la configurazione di PHP consiste nell’usare lo script  setup, che configurerà PHP chiedendoti di rispondere ad alcune domande. Per mandare in run setup digita

./setup

Questo script creerà il file do-conf, che conterrà i parametri scelti per la configurazione. Sarà quindi possibile editare questo file per cambiare i parametri di configurazione senza rilanciare setup; sarà sufficiente digitare:

./do-conf

Prima di concludere diamo un ultimo consiglio. È conveniente di compilare PHP come modulo di Apache piuttosto che come CGI, dato che in questo modo il sistema risulterà più veloce e le questioni riguardanti la sicurezza saranno delegate al Web Server. Ciò è facilmente ottenibile rispondendo “yes” alla domanda “Build as an Apache module?” che vi verrà posta dallo script setup.
Ora anche gli utenti Linux hanno a disposizione tutti gli strumenti per cominciare. Tuttavia prima di cominciare a parlare della grammatica di PHP, vale la pena soffermarci più approfonditamente sulle direttiva di Apache, in modo da poter avere un server su misura per le nostre esigenze.

 

Torna all'indice Generale del corso di Corso di PHP di Software Planet