Corso di HTML

Impostazione generale Pagina

 

Abbiamo concluso la prima parte introducendo gli attributi, essi hanno il compito di specificare e personalizzare il comportamento di molti tag; ad esempio ora ne parleremo presentando il tag BODY che ha la seguente struttura:

<BODY attributi>

... contenuto

</BODY>

BODY serve come per il tag HEAD a definire la porzione del codice HTML che verrà visualizzato dal Browser, in sua mancanza si farà riferimento alla posizione del tag HEAD e se anch’esso manca al tag HTML.

A differenza di questi ultimi però, BODY permette di specificare alcuni attributi del documento come l’immagine di sfondo e il colore di sfondo, il colore del testo e quello dei collegamenti (attivi, inattivi e visitati).

Vediamoli tutti dettagliatamente perché torneranno molto utili:

-) Attributo BACKGROUND

La struttura di questo attributo è la seguente:

<BODY BACKGROUND="[url][path][nome_immagine]">

Qui url e path indicano l’url e il percorso del file sul server e sono facoltativi, dato che in loro mancanza si usa la stessa directory che contiene il file html in oggetto. L’url è il percorso assoluto del file, se: http://www.miosito/miaDirectory, mentre path si riferisce al percorso che dalla directory corrente si deve percorrere per arrivare al file cercato, es. ../Images/ e si vuol far intendere che si deve prima andare alla directory genitore di quella corrente (se per esempio stiamo in miaDirectory essa è la root o directory radice) e poi andare nella directory Images; nome_immagine contiene il nome del file grafico da inserire come sfondo. Tale file deve essere preferibilmente in formato gif,jpg o png per garantire piena compatibilità con tutti i browser più diffusi (cercate di evitare formati come BMP, PCX, TIFF...).

Ovviamente la grandezza (dimensioni del file) dell’immagine si riflette immediatamente sul tempo di caricamento, perciò è meglio una pagina senza sfondo che una con un file da 150 kb., dato che chiunque se ne andrebbe prima che venga caricata !

Inoltre è sempre tenere ben presente che una pagina complessivamente non dovrebbe superare i 50-60 kb che equivalgono ad un’attesa di circa 10-15 sec con una normale connessione a 33.6K.
Attualmente la media è di circa 30Kb per pagina, con un tempo richiesto per il caricamento di circa 6 secondi con un medem 56K.

-) Attributo BGCOLOR

Se avete deciso di optare per uno sfondo colorato, ma senza immagine questo tag è quello che fa per voi, la struttura è la seguente:

<BODY BGCOLOR="colore">

Qui colore identifica o il nome di un colore come black, blu, red ... oppure tre coppie di numeri esadecimali che identificano il colore in modalità RGB (la prima coppia indica la tonalità di rosso,la seconda quella di verde e la terza quello di blu). Il valore "#FFFFFF" è bianco, "#FF0000" è rosso, "#000000" è nero e così via. (se utilizzate il secondo metodo dovete anteporre alle tre coppie il carattere gratella #.

Attenzione! Se il vostro colore di sfondo non viene visualizzato è probabilmente colpa delle impostazioni del browser che riesce a scavalcare quelle della pagina, stesso discorso per i colori dei link che vedremo dopo.

Ora vi starete forse chiedendo: come faccio a impostare il colore del mio sfondo a nero se il mio browser lo vuole grigio? Un trucchetto semplice è quello di utilizzare un’immagine di anche solo 3x3 pixel e impostarla tramite l’attributo BACKGROUND visto prima.

-) Attributo TEXT

Questo attributo dalla seguente struttura: <BODY TEXT="colore"> vi permette di impostare il colore del testo proprio come avete già fatto con l’attributo BGCOLOR, o tramite il nome del colore o tramite una tripletta esadecimale.

-) Attributi LINK, ALINK e VLINK

Questi attributi hanno tutti la medesima forma di utilizzo:

<BODY LINK ="colore">

<BODY ALINK ="colore">

<BODY VLINK ="colore">

Ognuno imposta il colore dei link (collegamenti ipertestuali) in varie situazioni:

il primo, LINK, imposta il colore dei collegamenti non ancora visitati ( di default il browser utilizza il blu scuro);

il secondo, ALINK, imposta il colore che il collegamento assume mentre viene premuto;

il terzo e ultimo VLINK, setta il colore dei collegamenti già visitati.

Abbiamo per ora concluso tutto per quanto concerne le impostazioni generali della pagina; ometto il tag SCRIPT dato che per ora non vi servirà, ma prometto che lo riprenderemo più in là quando inizieremo il corso di JavaScript.

É da notare che le impostazioni dei colori del testo e dei links non devono per forza di cose essere utilizzati in tutta la pagina, ma assumono per essa i valori di default se non diversamente specificato dall’attributo Color del tag FONT, che vedremo in seguito.

Ora vi saluto e vi rimando alla prossima puntata dove cominceremo ad approfondire i tags sul testo.

 

Torna all'indice Generale del corso di Corso di HTML di Software Planet