Corso di Macromedia Fireworks

Come gestire le immagini. Apertura file bitmap

 

Eccoci alla prima vera lezione di questo corso! 
Come prima cosa, con Fireworks impareremo a gestire le immagini, cioè impareremo ad importarle, modificarle ed insomma ad eseguire tutte le operazioni formali di importa/esporta del nostro lavoro.

Molte persone sono abituate a lavorare con i più famosi programmi di grafica, come Adobe Photoshop, CorelDraw, o con Macromedia Freehand, e queste persone vorrebbero che esistesse qualche programma potente e facile da utilizzare che faccia lo stesso per le immagini per il Web, che, come si sa, devono rispondere ad alcune carattersistiche, quali per esempio la leggerezza della stessa.

E magari questo programma deve essere in grado di offrirti la stessa qualità di produzione, sia che si importi una immagine Bitmap, o grafica vettoriale, senza avere problemi di compatibilità degli strumenti che si stanno utilizzando, almeno fino alla pubblicazione dell’immagine stessa.
Ecco perché Firewors è un programma ibrido.

Con questo programma si possono leggere, modificare ed esportare sia immagini bitmap che di grafica vettoriale, il tutto ottimizzato per il Web. Insomma, si può continuare ad utilizzare i programmi con i quali siamo più abituati a creare immagini, ed alla fine possimao utilizzare Fireworks per ottimizzarle e produrle sul Web, oppure si può creare l’immagine da zero, utilizzando i potenti strumenti messi a disposizione da Fireworks.

Con questo programma è possibile gestire qualsiasi tipo di immagine, ed è anche possibile gestire immagini che hanno più livelli, mantenendoli intatti, e grazie alle due sue modalità di lavoro, Fireworks ti permette di lavorare sia su immagini Bitmap che su grafica vettoriale, con estrema semplicità.

Grazie al suo ambiente di lavoro a due modalità, Fireworks ti permettte di lavorare sia con immagini bitmap che con grafica vettoriale: la modalità di modifica immagine rende Fireworks simile ad un programma di modifica, puoi modificare e manipolare le immagini a livello di pixel;
la modalità oggetto, invece, lo rende simile ad un programa da disegno: puoi infatti tracciare e modificare tracciati vettoriali.

Dopo questa breve introduzione alle caratteristiche che caratterizzano Fireworks sulla importazione e sul lavoro che è possibile svolgere sulle immagini, sia create da altri programmi, sia create sotto Fireworks, adesso scendiamo un pochino più nel dettaglio sulle caratteristiche di importazione delle immagini sotto Fireworks e, scopriremo, che nella semplicità di questo potente strumento è possibile davvero fare cose straordinarie.
Iniziamo dunque con l’importazione di file bitmap.

Per usare le funzioni di ottimizzazione per il Web di Fireworks o gli strumenti di modifica della grafica, si può iniziare con grafica creata in altri programmi. Infatti, Fireworks è in grado di leggere la maggior parte dei formati che caratterizzano le immagini create sotto i migliori programmi di creazione immagini, quali per esempio BMP, GIF, JPEG, PICT, PNG TIFF, CDR e PSD, per citarne solo i più conosciuti.

Quando viene aperto un file bitmap, l’immagine sarà circondata da un bordino a strisce nere e blu: questo indica che l’utente si trova in modalità di modifica immagine (vedi figura 1).

Figura 1


Lavorare nella modalità modifica immagine di Fireworks è come lavorare in Photoshop e in altri programmi di modifica.

In questa modalità, è possibile acquisire fotografie, dipingere immagini e modificarne il contenuto a livello di pixel.

I file GIF, JPEG e PNG, si aprono con un Livello 1 vuoto, che viene utilizzato per aggiungere altri oggetti al file, oppure lo si può eliminare, oppure, ancora, lo si può ignorare: infatti, se non utilizzato, non appesantisce l’immagine creata.
Spieghiamo un pochino meglio questo passaggio.

Prendiamo, per esempio il caso in cui usi Photoshop per creare l’immagine che verrà poi importata in Fireworks.
Nella figura 1, viene importata l’immagine, che è così in Photoshop:

Ed ecco, invece, i layer che caratterizzano questa immagine:

Esiste un unico layer, sfondo , sul quale giace l’immagine considerata.

Appena la importiamo in Fireworks, ecco le informazioni che avremo sui layer:

Ecco che subito osserviamo una variazione:
viene aggiunto automaticamente un nuovo layer, Web Layer, che è quello che Fireworks ci mette a disposizione per aggiungere altre cose all’immagine creata!

Affinche voi possiate verificare con mano ciò che è stato appena detto, cliccate cull’icona     che è al fianco del Layer 1, ed osserverete che il contenuto verrà cancellato – infatti questo layer contiene l’immagine che noi abbiamo importato! -; se cliccate sull che è al fianco di Web Layer, osserverete che non sparisce nulla, in quanto non abbiamo riportato nessuna aggiunta all’immagine importata.

Diamo subito un consiglio: se si possiede un file grafico che si vuole utilizzare come modello per la creazione di altre immagini e non si vuole che questa immagine venga modificata, Fireworks mette a disposizione l’importazione senza nome del file che si desidera voler’essere impostata come template (modello).

Questa opzione è una casellina che deve essere barrata nel momento che si apre un file, cioè:



La casella da barrare è quella contrassegnata da Open as “Untitled”, e questo, penso sia opzione abbastanza utile.

Vi saluto anticipandovi che nella prossima lezione, parleremo degli altri casi in cui importeremo dei file.. vedremo insomma altri aspetti che ci saranno utili.
Buon divertimento!

 

Torna all'indice Generale del corso di Corso di Macromedia Fireworks di Software Planet