Corso di PHP

Le costanti in Php

 

Come ogni altro linguaggio di programmazione che si rispetti, anche PHP consente all’utente di definire delle costanti.

Le costanti non sono altro che dei nomi simbolici a cui sono associati dei valori. In questo senso le costanti non differiscono per nulla dalle variabili.
Tuttavia, diversamente dalle variabili, le costanti, una volta definite, non consentono all’utente di cambiarne il valore. È inoltre differente il metodo con cui si definiscono. Infatti, per dichiarare un avariabile occorre utilizzare la funzione define();

Nonostante  le costanti possano sembrare a prima vista delle variabili con delle fastidiose limitazioni e quindi scorbutiche nei confronti del programmatore, il loro utilizzo rende il codice molto più compatto, leggibile e facilmente aggiornabile.

Inoltre l’uso di variabili permette al programmatore di mettersi al riparo da eventuali sovrascritture erronee all’interno dello script.

Esaminiamo adesso la funzione define()

define()
La funzione define() è presente tanto nella versione 3 di PHP quanto nella versione 4.
La  sua sintassi è:

boolean define(nome, valore, [intero])

Essa definisce una costante denominata $nome di valore valore. Le costanti possono essere accedute da qualsiasi punto del codice senza tener conto delle regole di visibilità.



L’intero che costituisce il terzo parametro definisce se la costante deve essere o meno case sensitive. Se settato ad 1 la variabile è case insensitve. Tale parametro è opzionale e ove non settato la costante si assume essere case sensitive.

La funzione ritorna il valore TRUE nel caso in cui non si siano verificati problemi di sorta nella definizione della costante e FALSE in caso contrario.

Altra funzione relative alle costanti è la funzione defined():

defined()
La funzione defined() accetta una stringa come argomento e viene utilizzata per testare l’esistenza di una variabile.
La sua sintassi è:

boolean defined(Costant)

Essa ritorna TRUE se esiste una costante chiamata Costant, FALSE in caso contrario.

Oltre le costanti definite dall’utente, PHP mette a dei programmatori delle costanti predefinite.
Diamo di seguito l’elenco delle più importanti seguite da una breve descrizione:

__FILE__
Contiene il nome del file attuale. Se usato all’interno di file che sono stati importati nello script tramite le funzioni include() e require(), contiene il nome del file importato e non del file che importa.

__LINE__
È una costante che contiene il numero della linea del file di cui si sta effettuando il parsing. Se usato all’interno di file che sono stati importati nello script tramite le funzioni include() e require(), indica la posizione del parsing nel file importato e non del file che importa.



PHP_VERSION
La versione di PHP attualmente utlilizzata.

PHP_OS
Il nome del sistema operativo su cui il parser PHP è in esecuzione.

TRUE
Il valore booleano true (vero).

FALSE
Il valore booleano false (falso).

E_ERROR
Indica un errore che non sia di parsing non recuperabile.

E_WARNIG
Indica una condizione di pericolo riscontrata dal parser ma che non ha causato la fine della sua esecuzione.

E_PARSE
Indica una situazione d’errore del parser non recuperabile.

E_NOTICE
Indica che è avvenuto qualcosa che potrebbe essere o meno un errore; purtuttavia il parsing va avanti.

E_ALL
Contiene tutte le costanti d’errore al suo interno.

Le costanti E_* vengono utilizzate in concomitanza alla funzione error_reporting() che stabilisce il livello degli errori da riportare.

 

Torna all'indice Generale del corso di Corso di PHP di Software Planet