Corso di Hardware

L'assemblaggio - Parte IV

 

Ebbene eccoci giunti alla fine di questa semplice guida all’assemblaggio. In questa lezione riprenderemo il discorso delle connessioni del vostro HD. Siete pronti? Allora iniziamo

23)Nella figura in basso potete vedere un cavo IDE da 80 poli che dovrebbe essere uguale al vostro e che vi servirà per    collegare le vostre periferiche (disco fisso, cd-rom, ecc) ai connettori IDE presenti sulla scheda madre. Questo cavo formato da 80 conduttori (vedremo più avanti in dettaglio) può collegare periferiche Ata 33/66/100/133. Il connettore che solitamente è di colore blu, va collegato alla scheda madre, mentre gli altri due connettori (grigio e nero) vanno collegati alle periferiche. Quindi prendete il connettore blu del cavo ed inseritelo nel connettore blu della scheda madre, o in ogni caso in quello contraddistinto dalla serigrafia IDE 1 (vedi precedente lezione); è in questo canale che andrà inserito il vostro HD primario.


Figura 23


24) Bene, ora colleghiamo i cavi di comunicazione e di alimentazione al vostro HD. Dovete collegare il connettore IDE femmina (figura 24/a) al connettore IDE maschio del vostro HD (figura 24/b); su un lato del cavo IDE, dov’è presente il connettore femmina, c’è una “linea rossa”. Rappresenta il Pin 1 e serve per inserire correttamente il connettore all’hard disk; il connettore femmina dunque, va inserito con il Pin 1 rivolto verso il selettore dei Jumper (figura 24/b) oppure, a seconda della marca del vostro HD, verso il connettore dell’alimentazione.  Non è un’operazione complicata ma va eseguita con attenzione. In ogni caso i cavi IDE da 80 poli sono dotati di appositi inviti, per cui è impossibile sbagliare l’orientamento degli stessi. Prendiamo poi il cavo dell’alimentazione (figura 42/c) e inseriamolo nell’apposito connettore; orientatevi sempre grazie alla figura 24/b.



Figura 24a


Figura 24b


Figura 24c

25) Ora possiamo impostare il nostro HD in due modalità : Master (principale) se volgiamo avviare il sistema operativo, Slave, se vogliamo collegarlo come unità ausiliaria. Ovviamente a noi interessa la prima modalità. Per impostarla dovete agire sui jumper appositi (vedi figura 24b e relativa figura 25 ingrandita) e la loro posizione è stampata su una tabellina sul vostro HD. La corretta collocazione dipende dal costruttore del vostro HD e può ovviamente cambiare da HD ad HD.



Figura 25

26) La connessione delle altre periferiche quali Cd-rom, masterizzatore, floppy ecc. sono analoghe a quelle dell’hard disk per cui rivedete i punti precedenti. Posso consigliarvi una possibile configurazione; mettete sul canale IDE1 il disco fisso come Master e il lettore Cd/DVD-rom impostato come Slave, sul canale IDE2 invece, mettete il masterizzatore come Master ed un’eventuale hard disk secondario come Slave.


27) Ora inseriamo le varie schede aggiuntive. Nel retro, alcuni cabinet presentano delle lamelle metalliche che vanno rimosse prima di inserire la scheda. Inserite la scheda grafica nello slot AGP (vedi manuale della MB) in modo che le porte di comunicazione siano visibili sul retro. Una volta inserita, fissatela con le viti al cabinet. Questa operazione va eseguita per tutte le schede PCI (audio, modem ecc.). Nella figura 27 potete notare gli slot PCI che sono quelli bianchi in alto a sinistra mentre lo slot AGP è quello alla loro destra di color marrone.



Figura 27

28) Collegate ora muose, tastiera, monitore ed inserite l’alimentazione. Bene, ora è giunto il momento di verificare se abbiamo fatto tutto bene. Accendete il PC e tenetevi forti. Avviato il PC dovete sentire il rumore delle ventole e assistere all’accensione del monitor. Se tutto funziona verrà rilevata la scheda grafica, poi la CPU e il quantitativo di memoria installata. Se il sistema non si avvia controllate i vari collegamenti. Se udite dei suoi andateli a verificare sul manuale della MB per riscontrare il problema.

Bene, abbiamo finito. Ci vediamo alla prossima…

 

Torna all'indice Generale del corso di Corso di Hardware di Software Planet