Corso di Sistemi Operativi

The Unix wars

 

Sebbene UNIX fosse ancora di proprietà della AT&T, la compagnia non aveva realizzato granché con la sua commercializzazione fino alla metà degli anni '80, quando X/Open mostrò chiaramente che una sola versione standard di UNIX era il maggior interesse dell'industria e dei suoi clienti.
Il problema allora fu quale dovesse essere questa versione unica.
Allo scopo di unificare il mercato, nel 1987 AT&T annunciò un accordo con Sun Microsystems, il principale pretendente della versione BSD.
Ma il resto del mondo industriale vide lo sviluppo con considerevole preoccupazione: credendo che i loro mercati fossero minacciati, le altre compagnie formarono un gruppo per sviluppare un proprio “nuovo” sistema aperto, dando vita ad una nuova organizzazione, la Open Software Foundation (OSF).
Per tutta risposta AT&T e Sun formarono UNIX International.

In questo scenario “bellico”, che vedeva i venditori di sistemi divisi in due campi, raccolti attorno alle due dominanti tecnologie di sistema UNIX: il System V (system five) di AT&T e il sistema di OSF, chiamato OSF/1, al centro, equidistante da entrambi i contendenti, stava ancora la X/Open Company, che nel frattempo continuava il processo di standardizzazione delle API, necessario per le specifiche di un sistema operativo aperto.
Inoltre, il lavoro di X/Open andava oltre il livello strettamente attinente al sistema operativo, sviluppando o adottando specifiche standard per i linguaggi, la connettività ai database, il networking e altro ancora.
I risultati di questo lavoro furono pubblicati nelle X/Open Portability Guides (XPG) e durante gli anni '90 si manifestò un grande interesse da parte di un gran numero di organizzazioni ad usare X/Open come base per il progetto dei loro sistemi.

Nel 1993, AT&T vendette gli UNIX System Laboratories a Novell, che cercava un sistema operativo robusto da collegare alla sua linea di prodotti NetWare.
Nel contempo, la compagnia riconobbe che attribuire il controllo delle specifiche e del marchio ad una organizzazione indipendente da qualsiasi venditore avrebbe ulteriormente incrementato il valore di UNIX come fondamento di sistemi aperti.
Così le parti costituenti del sistema UNIX, precedentemente “possedute” da una singola entità, divennero completamente separate.

Nel 1995 SCO acquisì UNIX da Novell e il codice sorgente e la tecnologia del sistema continuano ad essere sviluppati da SCO.
Nello stesso anno X/Open introdusse il marchio UNIX 95 per i sistemi di computer che rispettassero la specifica Single UNIX Specification, ancor oggi sviluppata all'interno di The Open Group (di cui X/Open fa parte).
L'aver reso queste specifiche di interfaccia libere da tecnologie proprietarie ha permesso a molti sistemi di supportare la filosofia UNIX, ovvero quella di avere piccoli, spesso semplici, strumenti che possono essere combinati in molti modi per realizzare compiti anche complessi.
Il movimento Open Source si basa proprio su questo stabile fondamento ed ha creato una sorta di “resurrezione” dell'entusiasmo e dell'interesse verso la filosofia UNIX.

Una menzione particolare merita POSIX (acronimo per “Portable Operating System Interface for uniX”), un insieme di standard il cui obiettivo è principalmente quello di facilitare lo sviluppo di software multipiattaforma tra sistemi Unix differenti, tramite la definizione di alcune linee guida che devono essere seguite dai venditori i sistemi operativi.
In teoria, uno sviluppatore dovrebbe scrivere solo una volta un programma che possa girare su tutti i sistemi POSIX-compatibili, ma in realtà quello che accade, nel migliore dei casi, è la necessità di riscrivere almeno alcune piccole parti del software per adattarlo al particolare sistema.
La maggior parte delle moderne implementazioni commerciali di UNIX e parecchi sistemi free sono POSIX-compatibili.

E’ bene tener presente che le specifiche POSIX descrivono un sistema operativo simile a Unix, ma che non deve essere necessariamente un sistema Unix; tant’è che, sebbene pesantemente basati sulle versioni BSD e System V, anche sistemi non-Unix come Microsoft Windows NT e IBM OpenEdition MVS sono
POSIX-compatibili.

Attualmente esistono differenti versioni di POSIX, ma le più importanti sono POSIX.1 e POSIX.2, che definiscono le chiamate di sistema e l’interfaccia della linea di comando, rispettivamente.
Esistono anche altri sforzi di standardizzazione in ambiente Unix, tra i quali i più promettenti sembrano essere le linee guida di Open Group XPG e le SVID (System V Interface Definitions).
Tuttavia, POSIX rimane l’unico grande standard approvato dalle organizzazioni di standard indipendenti.

 

Torna all'indice Generale del corso di Corso di Sistemi Operativi di Software Planet