Corso di Privacy

Privacy e Lavoro ...

 

Come anticipato nella precedente lezione, cercheremo di rispondere a questa domanda facendo un confronto con quanto previsto in tema di monitoraggio delle telefonate personali sul luogo di lavoro.

Come già detto in precedenza, il nostro ordinamento (all'art. 4 L. 300/70) stabilisce che è vietata qualunque forma di controllo a distanza sull'attività dei dipendenti effettuata a mezzo di impianti audiovisivi o di altre apparecchiature. Ne consegue che per chi utilizza il telefono come strumento di lavoro si pone immediatamente un problema di violazione dell'art. 4, in quanto il datore di lavoro è in grado di controllare a distanza, l'attività del dipendente.

In secondo luogo l'art. 8 L. 300/70 stabilisce che è fatto divieto al datore di lavoro di svolgere indagini sul dipendente che non siano relative alla sua attitudine personale. Ora, la ricostruzione delle telefonate personali di un soggetto può consentire di verificare che ha telefonato sovente al suo sindacato, al suo partito politico, all'istituzione religiosa di cui per ipotesi faccia parte, e consente quindi di ricostruire un profilo del dipendente, sul piano dei rapporti sociali, che altro non è se non un'indagine sulle opinioni, e comunque su tutta una serie di fatti estranei alla valutazione dell'attitudine professionale del dipendente. Quindi si può sicuramente parlare anche di violazione dell'art. 8 L. 300/70.
Da notare che sia l'art. 4 che l'art. 8 sono anche sanzionati penalmente.

Le centraline telefoniche elettroniche sono poi ancora probabilmente sospette sul piano dell'antisindacalità o comunque su quello della libertà sindacale, in quanto con la registrazione del numero chiamato consentono di verificare, ad esempio, quante volte in un certo periodo di tempo, ogni lavoratore abbia telefonato alla propria organizzazione sindacale, con ciò consentendo al datore
di lavoro una sorta di graduatoria dell'impegno sindacale "interno".

La stessa cosa potrebbe configurarsi per quanto riguarda il controllo delle e-mail: invece di un centralino telefonico abbiamo un server dedicato e al posto dei numeri telefonici abbiamo degli indirizzi, un discorso analogo può essere fatto relativamente alla navigazione in internet con analisi e verifica dei tracciati lasciati sui server. Relativamente alle e-mail c'è da aggiungere il fattoche diversamente dalla telefonate, di cui il centralino tiene traccia solo del numero chiamato, nei server viene memorizzato anche il testo della mail, lasciando il campo a una violazione ben più pesante di quella prevista nel caso delle telefonate e investendo anche la legge 675/96 sul diritto alla privacy.

Se dati che nulla hanno a che vedere con la capacità professionale dei dipendenti vengono raccolti e aggiornati dalla azienda, sembra chiaro che anche questa normativa viene violata. E allora, dato che le norme in questione sono anche sanzionate penalmente, potrebbe forse essere opportuna la presentazione di un esposto alla autorità giudiziaria.

Ma che si può fare contro questa invadenza molesta e qual'è il rischio effettivo di questi controlli? Il seguito alla prossima puntata!

 

Torna all'indice Generale del corso di Corso di Privacy di Software Planet