Corso di WML

Wap: intro

 

Wap. Da dove nasce questa sigla? Cos’è e a cosa serve?
Queste sono le domande che sicuramente i più curiosi si saranno posti quando hanno visto parlare per la prima volta di navigare in Internet con il telefono cellulare.
Wap (Wireless Application Protocol) è uno standard per lo sviluppo di applicazioni e servizi wireless (volgarmente tradotto: applicazioni senza filo).

Ma dove nasce l’esigenza di creare questo nuovo standard?
Nel 1997 alcune società, tra le quali Motorola, Nokia, Ericsson e Phone.com, allora Unwired Planet, costituirono un consorzio internazionale che aveva come unico scopo la definizione di uno standard mondiale che permettesse la creazione di nuovi servizi ed applicazioni per apparecchi wireless – cellulari, palmari, e tutto ciò che riguarda le comunicazioni mobili -.

Da questo unico scopo denominatore è nato W@pForum ( www.wapforum.org ), che studia e definisce lo standard che permette di unire rete mobile di trasmissione e Internet.

Con il passare del tempo il numero di società che hanno preso parte a questo consorzio è cresciuto, fino a raggiungere quota quasi 500 aziende che partecipano alla ricerca ed alla ottimizzazione di questo standard innovativo.
In Italia ed in Europa, le applicazioni Wap utilizzano la tecnologia di trasmissione cellulare GSM (Global System for Mobile), ma ne esistono molti altri.
Facciamo un attimino il punto della storia degli standard di comunicazione cellulare: all’inizio dello studio di standard di comunicazione cellulare, si è passati dal TACS e l’ NMT in Europa - per la comunicazione analogica - , alla ben nota tecnologia GSM.

Mentre, per esempio, in Nord America si è passati dallo standard AMPS – analogico - a quello TDMA (Time Division Multiple Access ) CDMA (Code Division Multiple Access) e GSM – digitale -.

Queste evoluzioni degli standard hanno portato dei benefici, che si sono tramutati in servizi che noi ben conosciamo: vedi ad esempio l’SMS – Send Message System - .
Sfruttando anche la banda offerta dallo standard GSM, che è di 9.6kb/s, si è potuto così andare oltre il solo servizio statico di SMS, dando così vita all’idea di unire la versatilità di un telefonino cellulare alla incredibile fonte di dati quale è Internet.
Quindi, anche se le dimensioni dello schermo del telefonino sono alquanto ridotte, è possibile effettuare una serie di operazioni che sono molto utili: si va dalla consultazione in real time delle borse all’aquisto tramite telefonino cellulare della spesa, e così via.

Insomma, tutti i servizi che noi ben conosciamo e che vediamo tutti i giorni da Internet, è possibile ritrovarli su un telefonino cellulare.
Tutti gli strumenti di cui abbiamo bisogno sono solo un telefonino Wap, che ci permetta di navigare.
Infatti il tutto funziona come un vero e proprio browser da pc: il cellulare Wap, infatti, è dotato di un vero e proprio minibrowser, e quando ci connettiamo ad un sito Wap, la pagina Wap viene scaricata sul telefonino proprio come accade per la normale navigazione da personal computer.

Le iterazioni sono molto simili a quelle tra server~client,  ed in questo corso spiegheremo innanzitutto qual è il livello di standardizzazione raggiunto dalle aziende facenti parte al W@pForum e dopo daremo anche gli strumenti per realizzare un vero e proprio sito Wap!

Buon divertimento!

 

 

Torna all'indice Generale del corso di Corso di WML di Software Planet