Cerca all'interno del corso
Ricevi un trucco a settimana !!

Corso di Sistemi Operativi

Modelli di sistemi operativi - Parte I
Lezione 18
Parte 1 di 3

 

Vedi anche i corsi correlati:


Partner:


 

Nelle scorse lezioni abbiamo focalizzato i requisiti che vengono richiesti a tutti i sistemi operativi, accennando alla possibilità che ogni SO adotti soluzioni diverse per rispondere alla stessa esigenza.
Come avviene in genere in tutti i campi dell’attività umana, spesso non esiste una sola soluzione ad uno stesso problema e la stessa cosa può essere fatta in modi diversi, secondo i gusti e le esperienze di chi si accinge a soddisfare una determinata richiesta.
Naturalmente ogni soluzione ha i suoi pro e contro, ed ognuno sceglie di adottare quella che più gli aggrada o ritiene migliore (dacché spesso accade che il concetto di “migliore” cada nella categoria dell’opinabile).

Nel campo dell’informatica sono stati fatti passi da gigante, sia nella realizzazione dell’hardware che nello sviluppo del software, e la progettazione di sistemi operativi si è avvalsa dell’esperienza accumulata, portando a diversificare non solo le soluzioni adottate per i problemi classici del controllo e della gestione dei sistemi di calcolo, ma modificando l’approccio stesso al problema.

Generalmente le funzioni riguardanti la gestione dei processi, la loro cooperazione e la gestione del processore vengono incorporate nel kernel del SO, che spesso viene supportato dall’hardware per la gestione di altri moduli, come la MMU per la paginazione della memoria.
Tuttavia è possibile organizzare un SO seguendo approcci differenti che ne influenzano le caratteristiche fondamentali.

 


   
Home Page

A Cura di Angelo Carpenzano (©)

Scarica questa lezione: Clicca qui per scaricare la lezione


 

Segnala questa lezione ad un amico!
Nome Amico:
eMail Amico:
Tuo Nome:
Regalagli anche la Newsletter di questo corso!