Cerca all'interno del corso
Ricevi un trucco a settimana !!

Corso di Sistemi Operativi

La shell
Lezione 25
Parte 2 di 3

 

Vedi anche i corsi correlati:


Partner:


 

Non appena viene premuto il tasto [Invio], il kernel passa la riga immessa alla shell, che ne estrae la prima parola, assumendo che sia il nome di un programma che deve essere invocato oppure un comando interno (se previsti dalla shell).
Se trova il programma specificato, la shell esegue una chiamata di sistema chiedendo al kernel di creare un nuovo processo figlio e, se la richiesta ha esito positivo, essa si porta nello stato di sleep, in attesa che il processo finisca l'esecuzione.
Se la prima parola della riga immessa viene riconosciuta come un comando interno, allora esso viene eseguito direttamente all'interno della shell.
Se non si verifica nessuno dei due casi precedenti, allora viene emesso un messaggio di errore del tipo:

command not found

Dopo aver eseguito il programma o aver segnalato l'errore, la shell ripropone un altro prompt in attesa di un altro comando.

I comandi possono avere degli argomenti; ad es. se si vuole copiare un file di nome 'sorgente.txt' in uno chiamato 'destinazione.txt', occorre specificare questi due nomi al programma cp che si occupa della copia.
In questo caso daremo alla shell il comando:

$ cp sorgente.txt destinazione.txt

ed essa si occuperà di avviare il programma cp, passandogli i suoi argomenti come stringhe di caratteri.
Tuttavia, non tutti gli argomenti sono nomi di file, ad es. nel comando:

$ tail -20 sorgente.txt


il primo argomento, -20, indica al programma tail di visualizzare le ultime 20 righe del file 'sorgente.txt'.

 


   
Home Page

A Cura di Angelo Carpenzano (©)

Scarica questa lezione: Clicca qui per scaricare la lezione


 

Segnala questa lezione ad un amico!
Nome Amico:
eMail Amico:
Tuo Nome:
Regalagli anche la Newsletter di questo corso!