Cerca all'interno del corso
Vuoi imparare passo passo C++ Builder?

Borland C++ Builder

Programmazione in ambiente Windows - Parte III
Lezione 4
Parte 1 di 2

 

Vedi anche i corsi correlati:


    Partner:


     

    Due parole sulle librerie . . .
    Microsoft mette a disposizione del programmatore le WinAPI (Windows Application Programming Interface) che consentono la gestione di periferiche e delle capacitÓ del sistema in modo trasparente all’operatore.

    In altre parole se l’operatore deve far apparire una stringa sullo schermo pu˛ richiamare nel suo programma un specifica funzione API che realizza l’operazione, senza che debba preoccuparsi di conoscere quale controller video sia presente e quale sia la risoluzione corrente.

    Allo stesso modo si comporta quando ha necessitÓ di salvare delle informazioni in un file: pu˛ infatti fare riferimento ad una apposita funzione API, che lo solleva, ad esempio, dall' "onere" di conoscere le caratteristiche del disco su cui accedere (testine, settori, capacitÓ) e la posizione sul medesimo dalla quale iniziare ad immagazzinare.

    In realtÓ le API sono funzioni tutto sommato a basso livello e alcune di difficile utilizzo, in quanto caratterizzate dal dover passare un elevato e complesso insieme di parametri affinchŔ possano funzionare correttamente; a tal proposito diventa utile la consultazione di strumenti software quali l’SDK (Software Developement Kit), ove sono descritte, di tutte le routine API disponibili, la funzione, la parametrizzazione, il file DLL (Dynamic Link Library) all’interno del quale sono contenute, ecc.

     


       
    Home Page

    A Cura di Claudio Ferrari (©)

    Scarica questa lezione: Clicca qui per scaricare la lezione


     

    Segnala questa lezione ad un amico!
    Nome Amico:
    eMail Amico:
    Tuo Nome:
    Regalagli anche la Newsletter di questo corso!